Venerdì, 24 Novembre 2017
Banner
Banner
Ultime Notizie
Banner
UNIVERSITA'
E-mail Stampa PDF

Grande giornata a Siena per l’Università per Stranieri: inaugurazione dell’anno accademico e apertura del convegno del Centenario alla presenza del ministro Valeria Fedeli - FOTOGALLERY

Bookmark and Share
Prosegue fino a sabato il convegno scientifico “Il mondo dell'italiano, l'italiano nel mondo"

inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (39)“Siamo un’istituzione che ha nel suo nome il richiamo alla condizione di straniero. Noi lo sappiamo: la condizione dello straniero è una condizione difficile ma privilegiata. Era straniero Dante mentre, esule, scriveva la Commedia; stranieri, e banditi, erano i partigiani dalla cui lotta antifascista sono nate la nostra libertà e la nostra Repubblica; e stranieri sono oggi, nell’attesa ancora speranzosa della legge sullo ius soli, milioni di immigrati che arricchiscono il nostro paese con la loro lingua, le loro tradizioni culturali e le loro esperienze umane. Il nostro nome fa sì che fra queste mura la definizione di straniero conceda questo privilegio a ciascuno di noi, e agli studenti italiani non meno che a quelli in arrivo dai paesi più lontani. La condizione dello straniero è di chi costruisce ponti e non innalza muri; è del viaggiatore. Noi crediamo nei ponti, nei viaggi, nella generazione Erasmus e nell’uso dell’italiano come lingua veicolare fra studenti arrivati a Siena nell’ultimo anno da 108 paesi del mondo”. Lo ha detto Pietro Cataldi, rettore dell’Università per Stranieri di Siena nella relazione introduttiva della cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2017–2018 a cui ha assistito e partecipato il ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Valeria Fedeli.

“Un’istituzione in crescita. Siamo questo. Il numero degli studenti immatricolati è aumentato di quattro volte negli ultimi dieci anni: 188 nel 2008, 740 nel 2016 e verso gli 800 stiamo andando quest’anno; mentre i 500 iscritti di dieci anni fa sono diventati più di 2000”, ha proseguito il rettore. “Anche questa sede così spaziosa è divenuta in pochi anni troppo piccola a causa del nostro successo. Da pochi mesi abbiamo preso in concessione un prestigioso palazzo del Seicento, palazzo Il Prato, collocato ai confini del centro cittadino, sulla soglia di quelle mura e in corrispondenza di una porta, Porta Camollia, che guarda verso Firenze, cioè nella prospettiva antica di questo territorio, verso il mondo”. Il rettore poi ha ricordato la scomparsa di Mauro Barni nel luglio scorso e ha annunciato che in primavera si svolgerà una giornata per ricordarne la figura e per onorarne la qualità umana e culturale; inoltre, entro la fine dell’anno accademico, l’aula magna dell’Ateneo porterà il nome di Mauro Barni.

Tra i momenti dell’inaugurazione dell’anno accademico la lectio magistralis di Claudio Marazzini, Presidente dell’Accademia della Crusca, con “Italiano oggi e domani: lingua e cultura nella nazione internazionale”.

E’ la giornata odierna uno dei momenti più attesi dell’anno dei festeggiamenti per l'Università per Stranieri di Siena, che celebra il centenario della fondazione della Scuola di lingua italiana per Stranieri. L’appuntamento è stato celebrato con il convegno “Il mondo dell'italiano, l'italiano nel mondo", in programma da oggi fino a sabato 11 novembre 2017, nell’Aula Magna dell’ateneo in Piazza Carlo Rosselli 27/28.

Anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha voluto partecipare al Centenario inviando all’Università per Stranieri di Siena una targa in ricordo di questa importante data.

Il convegno pomeridiano del Centenario dal titolo “Il mondo dell'italiano, l'italiano nel mondo" si è aperto con i saluti istituzionali del Rettore, Pietro Cataldi, del vice presidente e assessore alla Cultura, Università e Ricerca della Regione Toscana, Monica Barni, e del Sindaco di Siena, Bruno Valentini. A seguire Massimo Palermo, Direttore del Dipartimento di Ateneo per la Didattica e la Ricerca; Marina Benedetti, direttore della Scuola Superiore di Dottorato e di Specializzazione; e Carla Bagna, direttore del Centro Linguistico dell’Università per Stranieri di Siena. Il primo intervento è stato affidato a Riccardo Campa, professore emerito dell’Università per Stranieri di Siena; il titolo è “Allocuzione introduttiva: il profilo italiano della cultura occidentale”.

I temi del convegno - Le sessioni del convegno in programma nell’Aula Magna dell’Università l’8, il 9, il 10 e l’11 novembre sono dedicate a: il contesto storico della fondazione; la politica culturale di diffusione della lingua italiana; l’italiano nel mondo: le vie della diffusione; l’italiano nel mondo: le aree della diffusione; prospettive di ricerca; l’italiano degli stranieri, l’italiano per gli stranieri.

Il convegno è l’occasione per fare un viaggio in tutto il mondo e scoprire la diffusione dell’italiano con la sessione in programma venerdì 10 novembre dalle 9 alle 13. Tra i relatori, Gerald Bernhard, dell’Università di Bochum, con l’intervento su L’italiano in Germania; a seguire Elżbieta Jamrozik, dell’Università di Varsavia, con L’italiano in Polonia: tradizione e stato attuale. Gli altri relatori sono Camilla Bardel, dell’Università di Stoccolma, con L’italiano in Svezia e nei Paesi nordeuropei; Salvatore Bancheri, dell’Università di Toronto, con Stanno tutti bene. Una ricognizione sugli studi di italianistica nel Nord America; Federico Masini, dell’Università di Roma “La Sapienza”, con L’italiano in Asia Orientale; Maged Mohamed Fahmy Negm e Wafaa El Beih, dell’Università Helwan de Il Cairo, con L’italiano in Egitto; Laura Ricci e Raymond Siebetcheu, dell’Università per Stranieri di Siena, con L’Italiano in Africa: ex colonie, vecchie e nuove aree di emigrazione.

ostra e Storia della Scuola e dell’Università - La giornata è stata anche l’occasione per ammirare una selezione di manifesti conservati dall’Università per Stranieri di Siena, che costituiscono una delle serie più interessanti e preziose di tutto l’Archivio storico dell’ateneo senese. La rassegna spazia dal 1928 al 1937 ed evoca alcuni dei momenti salienti dei primi corsi senesi inaugurati da alcuni dei protagonisti della vita politica e culturale italiana, come Giovanni Gentile ed Enrico Corradini.

  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (10).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (17).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (25).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (29).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (3).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (33).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (39).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (46).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (7).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (73).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (8).JPG
  • inaugurazione anno accademico università stranieri siena  - ministra VALERIA FEDELI - 8nov 2017 (96).JPG

Immagini di FOTOSTUDIO SIENA
www.fotostudiosiena.it facebook
www.alessiabruchifotografia.it facebook
 

GUARDA ANCHE


Diventa fan su facebook Seguici su twitter
ico-zodiacoicons_separatorico_cinemaicons_separatorico-viabilitaicons_separatorico_farmaciaicons_separatorico_meteo
oroscopo cinema viabilità farmacie meteo
bannerSienaFREE
banner-web-300x250-01-B_2_2
SIENA_FREE_Banner_300X2502
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER