Mercoledì, 26 Aprile 2017
Banner
Banner
Ultime Notizie
Banner
SALUTE E BENESSERE - SALUTE
E-mail Stampa PDF

AIUTO Point, Stefania Saccardi ha inaugurato quello delle Scotte

Bookmark and Share
aiutopoint2E' il secondo che parte in Toscana (dopo quello inaugurato al Santa Chiara di Pisa sabato scorso), l'AIUTO Point, o Punto servizi inaugurato oggi pomeriggio a Siena, all'ospedale Santa Maria alle Scotte. AIUTO è l'acronimo di Assistenza, Informazione, Urgenze nel Trattamento Oncologico. Il Punto servizi delle Scotte, dedicato ai pazienti oncologici, è stato inaugurato oggi dall'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi; con lei, il direttore sanitario dell'Aou Senese Silvia Briani, il direttore amministrativo Giacomo Centini, i direttori di dipartimento, i responsabili dei GOM (Gruppi Oncologici Multidisciplinari), il rettore dell'Università degli Studi di Siena Francesco Frati, l'assessore alla sanità del Comune di Siena Anna Ferretti, il direttore di Ispo (Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica) e Itt (Istituto Toscano Tumori) Gianni Amunni, il delegato alla sanità per l'Università di Siena Ranuccio Nuti, tutti i professionisti del settore e i rappresentanti delle associazioni di volontariato.

"Abbiamo fortemente voluto questa innovazione organizzativa del Punto servizi - ha detto l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi - per essere più vicini ai malati di tumore, assisterli meglio nel loro percorso e anche migliorare i tempi di attesa. Cercando di risolvere il problema delle liste di attesa, abbiamo optato per un modello diverso, più strutturato, separando i flussi delle prime visite da quelli dei controlli successivi. Affidandosi al Punto servizi, il paziente che ha già intrapreso un percorso oncologico si sentirà preso in carico e non dovrà più preoccuparsi della faticosa organizzazione dei controlli, perché sarà il sistema ad assicurarla. Ringrazio quanti hanno lavorato alla messa a punto di questa innovazione, nella Aou Senese come in tutte le altre aziende in cui gli AIUTO Point stanno nascendo. Un ringraziamento particolare all'Università, componente fondamentale del nostro sistema sanitario, in cui formazione, ricerca e assistenza si integrano vicendevolmente e perfettamente".

Da qui a fine giugno saranno circa una trentina gli AIUTO Point che nasceranno nelle 4 aziende ospedaliero universitarie e nelle 3 aziende sanitarie della Toscana.

In questa prima fase, il Punto servizi dell'Aou Senese si farà carico del follow up delle pazienti con tumore alla mammella seguite negli ambulatori CORD (Centro Oncologico di Riferimento Dipartimentale), per le quali prenoterà tutte le visite e gli accertamenti richiesti dallo specialista.

Il Punto servizi rientra tra le azioni individuate dalla Regione per tagliare i tempi di attesa e migliorare il modello di presa in carico del paziente oncologico durante la fase del follow up, ovvero dei controlli a cui i pazienti vengono sottoposti dopo la prima fase di trattamento che ha consentito la remissione del tumore, allo scopo di intercettare rapidamente l'eventuale ripresa della malattia. Con la delibera 1068 del novembre 2016 erano stati assunti impegni precisi sugli interventi da realizzare e sui tempi, che sono stati rispettati. Entro marzo in ogni azienda (le 4 aziende ospedaliero universitarie e le 3 aziende sanitarie) nascerà un Punto servizi per la gestione del follow up della mammella: questo riguarderà circa 15.000 donne.

Nei 7 AIUTO Point per il tumore alla mammella verrà quindi testato il nuovo modello di programmazione delle prestazioni diagnostiche che è stato costruito in questi mesi, in collaborazione tra Regione e aziende: un modello che si basa sostanzialmente sull'identificazione del numero di pazienti previsti giornalmente e sulla messa a disposizione di un numero di spazi di prenotazione adeguato, con agende che scorrono giornalmente su base annua. Ad ogni paziente inserito in un programma di follow up verrà fornito un piano di controlli periodici concordato tra gli specialisti di riferimento.

Se il modello funzionerà per il tumore alla mammella, verrà rapidamente esteso alle altre tre tipologie di tumore per le quali in questi tre mesi sono stati costruiti protocolli omogenei di follow up a livello regionale: prostata, colon, polmone. Entro giugno dovrebbero quindi essere attivi i Punti servizi di tutte le aziende ospedaliero universitarie e sanitarie, una ventina in tutto (oltre ai 7 che entreranno in funzione entro marzo per la mammella).

Il Punto servizi costituirà il riferimento per i pazienti seguiti dalla struttura oncologica di cui fanno parte, che non dovranno più quindi rivolgersi al Cup per la prenotazione dei propri controlli. Il Punto servizi assicurerà la prenotazione di tutte le prestazioni previste per il follow up dei pazienti seguiti dalle strutture oncologiche, e anche il supporto per l'espletamento degli adempimenti amministrativi in materia di esenzione, avvio dell'iter per il riconoscimento dell'invalidità civile, facilitazione dell'accesso. In ogni azienda il Punto servizi sarà collocato in uno spazio dedicato facilmente raggiungibile e ben identificabile.
 

GUARDA ANCHE


Diventa fan su facebook Seguici su twitter
ico-zodiacoicons_separatorico_cinemaicons_separatorico-viabilitaicons_separatorico_farmaciaicons_separatorico_meteo
oroscopo cinema viabilità farmacie meteo
banner-web-300x250-01-B_2_2
Estra_300x250_gasluce
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER